Avvocato Francesca Copelli

Avvocato civilista e penalista

COPPIE DI FATTO:DIRITTI E DOVERI

 

segui la strada

Nella società di oggi sempre più giovani preferiscono la convivenza piuttosto che il matrimonio.Vediamo quali sono nello specifico le differenze dei diritti e doveri di queste due tipologie di coppie.

Sposati e conviventi a confronto

Quali sono le difficoltà e i limiti che le coppie di fatto sono costrette ad affrontare?

Per ciò che concerne la Salute il coniuge ha diritto ad assistere il partner in ospedale e a essere informato sul suo stato di salute.

Il convivente, invece, non ha diritto di accesso alla cartella clinica del partner, non ha diritto a permessi nel caso quest’ultimo di ammali e non può autorizzare interventi medici urgenti e rischiosi per il proprio compagno.

Con riguardo alla Successione: al coniuge spetta di diritto una quota del patrimonio del consorte defunto di cui non può essere privato.

Allo stesso modo la pensione di reversibilità e il trattamento di fine rapporto.

In caso di morte  del convivente, il superstite non rientra tra gli eredi legittimi, ma potrà essere nominato erede solo in presenza di un testamento in suo favore e solo per la quota disponibile, fatti salvi i diritti degli eventuali legittimari.

Il superstite non ha inoltre diritto a percepire il Tfr e la pensione di reversibilità del convivente.

Riguardo alla Casa: Il coniuge superstite ha il diritto di abitazione nella casa adibita a residenza familiare e di uso dei mobili che la corredano.

Il convivente, invece, non ha alcun diritto sulla casa adibita a residenza comune se questa è di proprietà del partner o da questi detenuta con contratto di locazione.

Può quindi essere allontanato.

Per ciò che concerne i Figli  non sussiste più alcuna differenza tra i figli nati nella convivenza e quelli nati nel matrimonio.

In entrambi casi l’affidamento dei figli è stabilito in base al criterio dell’interesse del minore ed è possibile rivolgersi al Tribunale ordinario.

Se ci fosse disaccordo interviene il Tribunale.

Dopo la cessazione della convivenza, il genitore ha l’obbligo di mantenere il figlio che convive con il genitore affidatario.

 

Comments are closed.

Thanks for downloading!

Top